Perchè le donne hanno più da guadagnare dal Tantra

Spesso capita chemassaggio tantrico dopo una sessione la cliente mi dica “dovresti insegnare agli uomini come toccare una donna, nessuno sa farlo”. O quando parlo di Tantra che  le donne mi dicano “dovresti dirlo a tutti gli uomini là fuori!”  Ora, dopo almeno un triennio di tantra body work in giro per il mondo,  la mia risposta sta diventando “Quelli là fuori sono gli uomini che tu hai dentro. Quando la donna risveglia il suo divino potenziale erotico, gli uomini che incontra, per un fattore di risonanza, cambiano”.

Se vi interessa il mio consiglio, non aspettate che cambino gli uomini. Cambiate voi. Quando voi conoscerete cosa vi piace e siete capaci, cambierete i modi e i tempi dei vostri incontri.

L’80% degli uomini si dichiarano  soddisfatti della loro vita sessuale, perché dovrebbero cambiare?

Le donne completamente soddisfatte invece sono il 30%, hanno tutto l’interesse nel farlo.

La prima ragione è che questo tipo di sessualità, convenzionale, è perfetta per il maschio, per la sua attitudine istintiva e il suo piacere fisico poco complicato e rapido. Buona per l’uomo ma poco funzionale per la donna.

La seconda ragione è che mentre apparentemente non ci sono alternative, la donna rimane incastrata nel solito schema ripetitivo  meccanico. E cosí dubita di sé stessa, del suo corpo, e finisce col dimenticare il suo piacere femminile. not-just-massage-495x360Dietro a questo sono evidenti le cicatrici di millenni di violenze, abusi, sottomissioni fisiche e psicologiche, di retaggi culturali, sociali, e religiosi nei confronti delle donne e della femminilità.

A mio modo di vedere, ora il vento sta cambiando, e come tutto è ciclico e in espansione, cosí la forza del principio femminile tornerà a bilanciarsi con quella del principio maschile, di questi tempi soverchiante. Aumentando il numero delle donne risvegliate aumenterà la consapevolezza femminile e saremo all’inizio di una nuova epoca, in cerca di nuovi equilibri.

Per questo parlo di Tantra  come alternativa alla sessualità convenzionale. Come il cammino per riscoprire la Dea interiore dimenticata.

I popoli tantrici erano comunità matriarcali, dove le donne erano considerate Dee. Tutte le donne tantriche sapevano usare l’energia vitale della sessualità per il proprio benessere e per fini spirituali. Ricevevano una educazione specifica per questo fin dall’adolescenza.  Il Tantra contiene molte informazioni dettagliate sulla sessualità, sotto l’aspetto fisico, emozionale ed energetico. Siamo esseri naturalmente sensuali, la donna con un qualcosa in più: più facilità nel canalizzare energia, nel raggiungere stati di piacere estatici, nell’entrare nell’esperienza divina. Doti innate come il poter essere madre e crescere nel proprio grembo una nuova coscienza.

Per questo dico che le donne hanno più da guadagnare dal Tantra che gli uomini, perché hanno la possibilità di risvegliare la Dea, ricordarsi la loro antica natura. Questo è quello che si fa in un tantra body work: risvegliare la Dea.

Quando la Cliente affronta la prima sessione di Bodywork prende coscienza di quanto il suo respiro sia corto e nel petto, quanto in generale sia poco connessa con il corpo, come a livello delle gambe ci sia sempre un controllo inconscio a chiudere, come l’addome e le pelvi siano tese, dense, i muscoli vaginali fiacchi, la bocca costantemente chiusa.

Senza cocomplete-checklist-romantic-massage-240ntare di eventuali problematiche con il proprio corpo o l’energia maschile, con memorie di vecchie relazioni, blocchi famigliari, traumi.

La Dea rimane dimenticata sotto questi strati oscuri di mancanza di coscienza, di mancanza di connessione, lo stesso che durante un rapporto sessuale. Quindi come sorprendersi che “non stia funzionando?” che la colpa sia degli uomini? come pensare che la soluzione sia “fuori” di noi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WhatsApp chat